sabato 11 novembre 2017


Flash mob dei volontari di Greenpeace in tutta Italia contro lo smog: «Il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni»


I volontari di Greenpeace hanno organizzato oggi flash mob in 23 città italiane, per denunciare l’impatto ambientale e sanitario dei veicoli diesel sulle nostre strade. Ai semafori delle vie più trafficate o congestionate i volontari hanno ironicamente fatto pubblicità a un nuovo prodotto, un detersivo di nome “Diesel”, testato sui nostri polmoni, che lava più grigio di ogni altro sapone. Hanno poi distribuito volantini e piccoli ritagli di stoffa, brandelli di tessuti stesi all’aperto per settimane e ingrigiti dallo smog, per evidenziare quanto l’aria che respiriamo nelle nostre città possa scurire anche i capi più bianchi. I volontari dell’organizzazione ambientalista hanno svolto attività di sensibilizzazione soprattutto tra gli automobilisti, categoria tra le più esposte alle emissioni del traffico veicolare, protagonisti ma anche vittime di un sistema di mobilità costoso, malsano, inefficiente. Greenpeace sta in particolare puntando la sua attenzione su un inquinante specifico della mobilità a gasolio, il biossido di azoto, che secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente è responsabile nel nostro Paese di oltre 17 mila casi di morte prematura l’anno. «I danni che le auto diesel arrecano all’ambiente e a tutti noi, nonché il disastro del Dieselgate, non sono certo da imputare a chi ha comprato un’auto a gasolio, ma alle aziende che hanno ingannato i consumatori e ai governi che glielo hanno consentito», dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. «Se quei veicoli avessero avuto problemi all’impianto frenante, all’airbag o cose simili sarebbero stati immediatamente richiamati dalle aziende per verifiche, controlli o sostituzioni. Invece hanno solo il “piccolo difetto” di emettere fino a 14 volte i valori dichiarati di un gas cancerogeno. E sono ancora sulle nostre strade, senza che nessuno prenda provvedimenti», conclude Boraschi. Nelle scorse settimane Greenpeace ha avviato una campagna per chiedere ai sindaci delle quattro città più colpite dai fumi dei diesel – Milano, Torino, Palermo e Roma – di impegnarsi per limitare progressivamente la circolazione nei loro centri urbani di questi veicoli altamente inquinanti, fino a prevederne, entro la fine del loro mandato, lo stop definitivo. Questo bando non danneggerà in alcun modo i consumatori e sarà, al contrario, a beneficio di tutti. L’organizzazione ambientalista ha inoltre messo a disposizione di tutti un kit di mobilitazione per costruire dal basso, in ogni città, una Rete No Diesel e chiedere al proprio sindaco misure progressive di bando del diesel. È nelle città che l’inquinamento atmosferico e il suo impatto sulla salute, specialmente quella dei nostri figli, hanno raggiunto soglie critiche che impongono azioni immediate.

dav

 

Redazione

Taged Article and Videos

  • Flash mob dei volontari di Greenpeace in tutta Italia contro lo smog: «Il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni»

  • Strategia Energetica Nazionale, Greenpeace: «Bene uscita dal carbone nel 2025, ma anziché puntare su gas occorrono più sforzi su rinnovabili ed efficienza»

  • Glifosato: bene il no dell’Italia, diminuisce il numero dei Paesi a favore del rinnovo

  • Pesce spada: Il Governo fa ricorso contro le quote di pesca concesse all’Italia. GREENPEACE: «Mossa vergognosa, chi pesca illegalmente va punito e non tutelato»

  • Greenpeace: livelli record di CO2 e mancanza di azioni sul clima, a soffrirne i nostri polmoni

  • Smog, Greenpeace in azione a Roma: «Respirare aria pulita è un diritto, fermiamo i diesel nelle nostre città»

  • Greenpeace: bene il no dell’Italia al Glifosato, cresce il numero di paesi che si oppongono al rinnovo

  • GREENPEACE NORDIC blocca gli ingressi allo stabilimento svedese che mette in pericolo la Grande Foresta del Nord

  • Greenpeace Nordic blocca ingressi a stabilimento svedese che mette in pericolo la Grande Foresta del Nord

  • Conferenza “Our Ocean”a Malta, Greenpeace e Break Free From Plastic: «L’inquinamento causato dalla plastica è un mostro che va fermato»

  • Greenpeace: “Emergenza Pfas in Veneto, chi inquina paga” vale anche per Miteni?

  • Attivisti di Greenpeace bloccano nave diretta in Gran Bretagna con auto diesel Volkswagen

  • Entra in vigore il CETA, Greenpeace: «Mette a rischio gli standard UE per alimenti e agricoltura»

  • Greenpeace: serve una moda slow, il riciclo dei vestiti è una chimera

  • Salone dell’auto di Francoforte: Greenpeace in azione per chiedere la fine dei motori a scoppio

  • Greenpeace: Arctic Sunrise in missione nelle acque norvegesi a rischio trivellazioni