Stop Offshore Drilling Action in Adriatic SeaIn azione su una piattaforma nel Mar Adriatico

sabato 14 aprile 2018


La Nuova Zelanda vieta le trivellazioni offshore, Greenpeace: «Decisione storica, Italia segua esempio»


Il governo della Nuova Zelanda ha deciso oggi di vietare ogni nuova attività di prospezione offshore per gli idrocarburi. Secondo Greenpeace, si tratta di una vittoria storica per la protezione dei mari e del clima che arriva dopo sette anni di crescente opposizione dell’opinione pubblica. Dopo Belize, Costa Rica e Francia, la Nuova Zelanda è il quarto Paese a muoversi in tal senso. Vietando le prospezioni per gas e petrolio, la coalizione di governo da poco eletta in Nuova Zelanda ha messo efficacemente al riparo dai rischi di nuove esplorazioni quella che è per estensione la quarta Zona Economica Esclusiva (ZEE) del Pianeta, con una superficie di oltre quattro milioni di chilometri quadrati di mare. Negli scorsi anni, alcune delle maggiori compagnie petrolifere mondiali – come Shell, Chevron, Petrobras, Statoil – hanno richiesto permessi di ricerca per idrocarburi nell’offshore neozelandese. Anche se benvenute dal governo precedente, le compagnie petrolifere negli anni hanno incontrato una forte resistenza da parte dei cittadini, delle comunità indigene e delle associazioni ambientaliste come Greenpeace. Negli ultimi sette anni, centinaia di migliaia di persone hanno marciato, inviato petizioni e partecipato ad azioni di protesta per fermare le esplorazioni petrolifere. Che le cose stessero per cambiare lo si è capito quando, il mese scorso, la nuova Premier Jacinda Ardern ha accettato di ricevere personalmente la consegna delle 50 mila firme raccolte da Greenpeace contro le trivelle in Nuova Zelanda. Resta da vedere se i cittadini permetteranno alle compagnie di sfruttare le concessioni già assegnate: il bando riguarda infatti solo lo stop a nuove concessioni. «La Nuova Zelanda ha preso una decisione storica per la tutela del clima, spronata da quelle decine di migliaia di persone che per anni si sono battute per proteggere le nostre coste da nuove esplorazioni alla ricerca di petrolio e gas», dichiara Russel Norman, Direttore Esecutivo di Greenpeace Nuova Zelanda. «È un messaggio forte e chiaro: stiamo per metter fine all’età del petrolio», conclude. Al contrario, in Italia sembra si prospetti un nuovo assalto alle coste e ai mari. Migliaia di chilometri quadrati del nostro territorio marittimo, soprattutto in Adriatico, sono oggetto di concessione per prospezioni con airgun (che generano onde sismiche tramite esplosioni allo scopo di mappare il fondale marino). In alcune aree sono previsti fino a tre passaggi. Sono aree in cui è nota la presenza – o la prossimità – di aree ad elevata biodiversità, ovvero di notevole importanza per la riproduzione di specie ittiche di grande importanza commerciale. «In Italia, come in Nuova Zelanda, mettere a rischio le risorse del mare, già minacciate da inquinamento e pesca distruttiva, per aumentare la dipendenza dagli idrocarburi, è una follia», afferma Alessandro Giannì, Direttore delle Campagne di Greenpeace Italia. «In Nuova Zelanda se ne sono accorti. In Italia, il governo ha invece predisposto una Strategia Energetica Nazionale vaghissima sulle rinnovabili, ma concretamente indirizzata alla promozione del gas», conclude. Per Greenpeace, la coraggiosa decisione del governo della Nuova Zelanda mostra che ci sono altre vie per affrontare una rapida transizione verso la decarbonizzazione delle nostre società: una transizione equa, giusta, che produca occupazione e sviluppo. I numerosi scenari pubblicati da Greenpeace e molte altre associazioni e istituzioni dicono chiaramente che restare vincolati alle economie “fossili” è un freno allo sviluppo e all’occupazione, oltre che un terribile errore che espone tutti a pericoli gravissimi, ormai sempre più evidenti.

 

 

Redazione

Taged Article and Videos

  • La Nuova Zelanda vieta le trivellazioni offshore, Greenpeace: «Decisione storica, Italia segua esempio»

  • Greenpeace a Nestlè: servono piani più ambiziosi sulla plastica usa e getta

  • Acqua, stato di emergenza in Veneto per i PFAS: Greenpeace chiede al Commissario di agire subito sulle fonti inquinanti

  • Giornata Mondiale delle Foreste: Greenpeace denuncia tagli illegali in Amazzonia mentre in Italia arriva leader indigena

  • Volontari di Greenpeace in tutta Italia: «Generali finanzia il carbone e assicura disastri climatici»

  • Greenpeace: molti diesel Euro 6 sfiorano i limiti consentiti di inquinamento

  • Greenpeace: preoccupa legge italiana sulle foreste in via di approvazione

  • Greenpeace: in Antartide la pesca industriale sottrae cibo a pinguini e balene

  • Greenpeace aderisce alla Giornata Internazionale delle Donne: non c’è giustizia ambientale senza giustizia di genere

  • Greenpeace: a sette anni dalla catastrofe nucleari di Fukushima in alcune aree la contaminazione è cento volte superiore alle norme

  • Pesticidi: L’EFSA conferma, gli insetticidi neonicotinoidi sono pericolosi per le api. Greenpeace: «Subito un bando permanente»

  • Stop Diesel a Roma, Greenpeace: «Decisione molto positiva, sia d’esempio alle altre città italiane»

  • Greenpeace, Fake News Politiche: dai leader politici finalmente un chiaro segnale di attenzione all’ambiente. O no?

  • Re:Common e Greenpeace: Generali continuerà ad assicurare il carbone?

  • Greenpeace: mais OGM? La vera sfida è un’agricoltura resiliente ai cambiamenti climatici

  • Greenpeace: sei eco-consigli per essere una bomba a San Valentino