mercoledì 6 dicembre 2017


Chi potrà usufruire dei futuri farmaci anti -Alzheimer? Interceptor: un modello di screening della popolazione a rischio


Conferenza stampa il 6 Dicembre alle 12.00 al Ministero della Salute

 Nei prossimi anni termineranno le sperimentazioni di oltre 50 farmaci potenzialmente in grado di rallentare/arrestare l’Alzheimer; molti di essi agiranno solo nelle forme “prodromiche” di malattia che appartengono ad una condizione definita Mild Cognitive Impairment (MCI), circa 735.000 persone. Poiché i costi saranno elevati, gli effetti collaterali temibili e poiché solo la metà dei soggetti MCI si ammala di Alzheimer, appare indispensabile disporre di una serie di esami strumentali (biomarcatori) in grado di intercettare e distinguere i soggetti a rischio molto elevato da quelli con basso o nessun rischio. INTERCEPTOR è un progetto che punta ad individuare il biomarcatore o l’insieme di biomarcatori più accurati, sostenibili nei costi e non-invasivi ed a mettere a punto uno schema organizzativo in grado di fornire a tutti i Cittadini libero accesso a questa modalità di screening preventivo alla cura. Il progetto INTERCEPTOR sarà presentato il 6 dicembre alle ore 12.00 presso il Ministero della Salute, Lungotevere Ripa, 1 nell’Auditorium Cosimo Piccinno. Saranno presenti il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il Direttore Generale AIFA, Mario Melazzini, il Professore Paolo Maria Rossini, esponente del Tavolo di lavoro e Patrizia Spadin, Presidente di AIMA (Associazione italiana malati di Alzheimer). Modera l’evento la giornalista Livia Azzariti.

Redazione

Taged Article and Videos

  • Chi potrà usufruire dei futuri farmaci anti -Alzheimer? Interceptor: un modello di screening della popolazione a rischio