venerdì 1 dicembre 2017


Il Generale Claudio Graziano ha concluso il seminario del Gruppo Speciale sul Mediterraneo e il Medio Oriente (GSM)


Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, ha concluso il seminario del Gruppo Speciale sul Mediterraneo e il Medio Oriente (GSM), promosso dalla delegazione italiana dell’Assemblea Parlamentare della Nato e organizzato presso l’aula della Camera. Nel corso del suo intervento, il generale Graziano ha illustrato il contributo delle Forze Armate italiane nel contrasto a Daesh e, partendo da una sintetica analisi del quadro di sicurezza internazionale, ha affermato che “da una prospettiva Euro-centrica, siamo chiamati ad affrontare sfide provenienti da due archi di crisi e instabilità, uno a sud, che dal Medio Oriente investe la sponda nord-africana e la fascia sub-sahariana, ed uno a est, che dal Baltico abbraccia il Mar Nero ed il Mediterraneo orientale”. In particolare, focalizzando l’attenzione al fianco a sud, all’interno della regione Nord africana e Mediorientale “il contrasto a Daesh – ha aggiunto il Capo di Stato Maggiore della Difesa – riveste una questione di prioritario interesse nazionale, perché riguarda sia la sicurezza interna contro eventuali attacchi terroristici perpetrati dai suoi affiliati, sia la stabilità internazionale in aree di interesse strategico dell’Italia, con connesse ripercussioni sociali, non ultime le migrazioni”. Analizzando lo scenario internazionale nella sua complessità il Generale Graziano ha poi illustrato la sussistenza di una “relazione triangolare” tra l’instabilità di alcuni Paesi, il terrorismo internazionale e i traffici illeciti. “Questa tridimensionalità – ha affermato il Capo di Stato Maggiore – implica che è necessario giungere rapidamente a una condizione di stabilità, poiché questa rappresenta un requisito essenziale per la prevenzione del terrorismo e del fenomeno dei traffici illegali, compreso quello più odioso di esseri umani”. “Il contrasto agli attuali fenomeni di instabilità costituisce quindi una complessa questione di sicurezza sia internazionale che nazionale e riguarda tutti gli attori del Sistema Paese, imponendo approccio multi-disciplinare e la consapevolezza che lo Strumento Militare è solo uno dei mezzi a disposizione della Comunità Internazionale. Per poter cooperare ed essere credibili a livello internazionale è necessario essere competitivi e bisogna esserlo ad ogni livello: economico, militare e industriale”. In questo contesto globale molto complesso, la minaccia di Daesh e la sua rapida espansione ha evidenziato la complessità dei meccanismi decisionali delle Organizzazioni Internazionali nell’articolare una risposta tempestiva in grado di fronteggiare nell’immediato nuovi focali di crisi, richiedendone una meno strutturata ma più efficace, quale quella garantita dalla Coalition of the Willings. “L’Italia – ha affermato il Capo di Stato Maggiore – rappresenta il secondo contributore in termini di forze terrestri impiegate. Svolgiamo attività di training, advising, and assistance a favore delle forze di sicurezza irachene e dei Peshmerga curdi, abbiamo la leadership della formazione delle forze di polizia destinate a controllare i territori liberati da Daesh con i nostri Carabinieri e svolgiamo attività con una componente di Forze Speciali a favore delle Forze speciali curde e del Governo federale di Baghdad. Nell’area di intervento abbiamo 1.500 militari coinvolti nei diversi contingenti ed abbiamo formato, tra forze di sicurezza e di difesa, ben 32.000 unità, che rappresenta oltre un quarto di quelle addestrate dall’intera Coalizione.” “Sebbene l’eradicazione territoriale dell’organizzazione terroristica rappresenti un grande successo per la Comunità Internazionale, è forte la consapevolezza che tale fase non determinerà anche il suo smantellamento virtuale e l’annullamento della sua identità, resta fondamentale – ha concluso il Capo di Stato Maggiore – concentrare gli sforzi sul potenziamento del processo di stabilizzazione dell’area siro-irachena per non vanificare i risultati militari conseguiti e ciò potrà avvenire solo mantenendo la presenza nel teatro con interventi omnicomprensivi, che coinvolgano anche le Organizzazioni Internazionali, fino a quando non sarà consolidato il processo di ricostruzione e stabilizzazione del Paese”.

 

Redazione

Taged Article and Videos

  • Il Generale Claudio Graziano ha concluso il seminario del Gruppo Speciale sul Mediterraneo e il Medio Oriente (GSM)

  • OSAS – Salute e sicurezza stradale

  • Un pò Stunt-man un pò attore: a Cinecittà 3 è di scena il “Combattimento marziale scenico”

  • Regione Lazio, Autorità di bacino del fiume Tevere, Consorzio Tiberina

  • Centro Promozionale delle Arti e della Ricerca POLMONE PULSANTE – Martedì 20 ottobre 2015 ore 19:00 Seminario di Storia dell’Arte

  • Concluso il 4° Seminario di Formazione per il personale della Difesa “I trapianti d’organo e la cultura della donazione” “Difendi la Patria. Dai valore alla vita”

  • ‘Periferie ribelli. L’VIII zona nella Roma occupata’ – Lunedì 27 Aprile ore 17.30 – Istituto Di Istruzione Superiore J. Piaget (Ex Carlo Moneta) – via Diana, 35

  • Seminario internazionale sul gioco d’azzardo

  • Seminario alla Scuola Trasporti e Materiali

  • Mare Nostrum – Seminario sui flussi migratori ed impatto sulla Sanità Pubblica

  • Seminario sulla sicurezza marittima a bordo della portaerei Cavour

  • Semestre Italiano di Presidenza Europea: Alla presenza del Ministro della Difesa, Sen. Roberta Pinotti, al via il primo appuntamento sulla sicurezza marittima

  • Roma Web Fest- Progetto Brain at work

  • Messaggio del Presidente Napolitano in occasione del seminario “L’Europa che verrà” organizzato dall’Intergruppo per la Sussidiarietà