venerdì 16 febbraio 2018


Afghanistan: I militari italiani abilitano 9 istruttrici afgane al contrasto degli ordigni esplosivi improvvisati


Ad Herat, presso la base italiana di Camp Arena, cinque poliziotte e quattro militari donne delle forze di sicurezza afgane hanno frequentato il corso di formazione per conseguire la qualifica di “istruttore”, che le abilita a svolgere attività addestrative a favore di commilitoni per il contrasto  degli ordigni esplosivi improvvisati. Il corso –Counter Improvised Explosive Device (C IED) – tenuto dal contingente militare italiano, è stato sviluppato nell’ambito del programma formativo condotto dal Military Advising Team (MAT) ed è terminato mercoledì 14 febbraio, dopo due settimane di lezioni teoriche e pratiche. Le frequentatrici del corso, selezionate dal comando della missione NATO “Resolute Support”, hanno seguito una prima fase di lezioni teoriche riguardanti lo studio delle principali tecniche utilizzate dall’insorgenza per la realizzazione e il posizionamento delle “trappole esplosive”.  Successivamente, nella fase pratica, hanno invece avuto l’opportunità di apprendere le procedure da attuare per l’individuazione di ordigni nascosti, per la messa in sicurezza di un’area sospetta e per la richiesta d’intervento degli artificieri. Gli ordigni improvvisati rappresentano in Afghanistan una delle principali minacce, tanto per le forze di sicurezza quanto per la popolazione locale. Soprattutto quest’ultima è troppo spesso vittima, in maniera indiscriminata, durante gli spostamenti quotidiani lungo le strade che collegano le città e i villaggi del Paese. Le neo-istruttrici avranno il delicato compito di addestrare i propri colleghi, anche di sesso maschile, nonché di organizzare e condurre campagne informative a favore della popolazione civile, soprattutto donne e bambini, con l’intento di ridurre il numero delle vittime. Le attività a favore delle donne afgane, realizzate nell’ambito dei “progetti gender”, si sviluppano in tutti i piani di addestramento (Train) e di consulenza (Advise e Assist), che attualmente sono svolti dagli istruttori italiani a favore della Polizia e dell’Esercito afgani. Come previsto dal mandato di “Resolute Support”, queste attività concorrono al conseguimento dell’obiettivo finale, che è quello di rendere le Forze di Sicurezza locali autonome nella gestione dello sviluppo professionale del proprio personale, nonché di formare nuovi istruttori (il cosiddetto “train the trainers”).

Redazione

Taged Article and Videos

  • Afghanistan: I militari italiani abilitano 9 istruttrici afgane al contrasto degli ordigni esplosivi improvvisati

  • “Cefalonia: il processo, la storia, i documenti”

  • Difesa: terminata l’esercitazione italo-spagnola “Firex 1-18”

  • KFOR: concluso ciclo di donazioni per il potenziamento delle strutture sanitarie in Kosovo Ovest.

  • Il Generale Graziano alla cerimonia di cambio di Comandante del Corpo della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera

  • L’onorevole Manciulli incontra il Generale Graziano

  • Le Forze Armate respingono con decisione le accuse della Commissione Uranio Impoverito

  • Misurata: Conclusa la prima missione di Emergenza Sorrisi in Libia sotto l’egida delle Forze Armate

  • Afghanistan: quattro nuove specialiste in comunicazioni operative

  • Somalia: militari italiani concludono l’ottava Missione di addestramento a favore delle forze di polizia somale e gibutine

  • Iraq: militari italiani coadiuvano le Forze di Sicurezza irachene per assicurare la libertà di movimento nel Nord Iraq

  • SMD – Il Cordoglio del Gen. Graziano per il decesso del Gen. Castagnetti “Straordinaria figura di uomo e di soldato”

  • NRDC-ITA assume formalmente la responsabilità sula componente terrestre della NRF 2018

  • Niger-SMD: nessun nome e nessuna unità definita

  • Le congratulazioni del Generale Graziano per le nomine del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri

  • Libano, Unifil: il Capo di SMD, Generale Graziano incontra i militari del contingente italiano in occasione delle festività natalizie