martedì 7 novembre 2017


Teatro Palladium: “Combattimenti” inaugura il festival Nuova Consonanza l’11 novembre


Sarà Combattimenti spettacolo di teatro musicale con musiche di Claudio Monteverdi, Giorgio Battistelli e quelle in prima assoluta di Claudio Ambrosini per la regia di Cesare Scarton ad inaugurare il 54° Festival di Nuova Consonanza sabato 11 novembre (ore 21) al Teatro Palladium. Progetto nato dalla collaborazione di più istituzioni, in occasione dei 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi, padre di ogni modernità musicale, Combattimenti muove da una delle sue pagine più note (Combattimento di Tancredi e Clorinda del 1624), primo e riuscitissimo tentativo di tradurre in musica l’affetto dell’ira guerresca, già così musicalmente reso nelle ottave del Tasso. Ad essa si associano due nuove pagine, una recente e una recentissima e nata per l’occasione: ne è ideale “continuazione” Tancredi appresso il Combattimento (2017), in cui Claudio Ambrosini, per la drammaturgia di Vincenzo De Vivo, “rilegge” le ottave seguenti del Tasso. Ne riprende invece la concitazione bellica, legandola alle sonorità della più ‘guerresca’ delle famiglie degli strumenti musicali, Orazi e Curiazi (1996) di Giorgio Battistelli, spettacolare “azione” per due percussionisti. Ne sono interpreti l’Ensemble In Canto e Tetraktis Percussioni diretti da Fabio Maestri, con le voci soliste di Sabrina Cortese, Daniele Adriani e Roberto Abbondanza. Lo spettacolo sarà introdotto da un incontro con gli artisti in Teatro alle ore 20, coordinato da Lucio Gregoretti presidente dell’Associazione Nuova Consonanza. “Immaginiamo di trovarci di fronte a un grande affresco di cui alcune parti siano andate perdute – racconta Ambrosini sulla sua nuova partitura -: qui affiora una mano che regge una spada, lì un volto (forse di uomo, forse di donna), più in là si nota il luccichio di un’armatura e, più sotto, quelli che sembrano gli zoccoli di un cavallo… L’occhio vaga alla ricerca di un filo narrativo, di una trama, tastando qui e là, ‘ascoltando’ con lo sguardo, immaginando e a poco a poco rivivendo una storia. Del poema di Tasso in realtà qui non manca niente, non è qui la questione. I ‘vuoti’ se mai vengono dalla nostra distanza, più che temporale, di linguaggio, di passo: per Monteverdi era la lingua poetica del suo tempo, per noi è di ‘quel tempo. Una distanza superabile forse solo applicando uno sguardo ‘prospettico’: che la sottolinei, la faccia diventare un elemento strutturale. Che talvolta la aumenti, persino, e allo stesso tempo la evidenzi come magnifico punto di partenza. Ecco quindi, nell’accingersi a metterlo in musica, un primo sentiero praticabile: (ri-)dare spazio al piano letterario facendolo ‘agire’, diventare protagonista, in alternanza con quello musicale. Entrando e uscendo, muovendosi tra il livello della parola e quello del suono e del canto, a tratti staccati di quel tanto che basta per farne una reciproca cartina di tornasole. Una seconda differenza è insita nel racconto stesso: quelle usate da Monteverdi sono ottave protese: sono ‘azione’, che inarrestabilmente precipita verso il suo tragico esito. Quelle che seguono al combattimento sono invece ottave retrotese, retrovisive, retrogradanti… sono agnizione, ripensamento, rammarico. Al pieno della lotta si sostituisce il vuoto del lutto e la nostra posizione di astanti cambia ancora di ruolo e di colore. Monteverdi è da sempre uno dei miei compositori preferiti e sono particolarmente grato a Fabio Maestri e a OperaInCanto per questo stimolante/sgomentante invito: un’esperienza davvero unica”. “La mia partitura di ‘Orazi e Curiazi’ – racconta Battistelli – si sviluppa sull’idea di una narrazione, con suoni concreti e metafisici, di uno dei più affascinanti miti della storia dell’antica Roma. Una delle storie che più hanno arricchito il nostro immaginario: il duello fra gli Orazi (una delle famiglie romane che guidava Roma, allora poco più di un villaggio, nei giorni successivi alla fondazione e campioni della città); e i Curiazi (campioni della vicina città rivale Albalonga). È il duello dove il corpo e la voce dei due interpreti, il timbro e il ritmo delle percussioni divengono elementi di una drammaturgia fantastica. Il 54° Festival di Nuova Consonanza che proseguirà fino al 20 dicembre è realizzato con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Spettacolo e Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali, della Regione Lazio – Assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili e di Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, nell’ambito dell’Avviso pubblico “Contemporaneamente Roma 2017”, con il sostegno della SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori. Anche quest’anno proseguono le coproduzioni e collaborazioni prestigiose come quelle con la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, il MACRO, Zétema, l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia, il Festival Romaeuropa, il Reate Festival, Roma Sinfonietta, Opera InCanto, la Fondazione Teatro Palladium – Università degli Studi Roma Tre, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, il Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma e il Conservatorio di Musica Ottorino Respighi di Latina, il Goethe-Institut Rom, il Forum Austriaco di Cultura a Roma e, per la prima volta, il Teatro di Roma, a sancire ancora una volta la dimensione interculturale del fare musica oggi.

Info: www.nuovaconsonanza.it, 06-3700323, promozione@nuovaconsonanza.it
Teatro Palladium – Università Roma Tre
Sito ufficiale: http://teatropalladium.uniroma3.it/
Pagina FB: https://www.facebook.com/search/top/?q=teatro%20palladium

Prezzi spettacoli:
intero € 15 / ridotto € 10 / studenti € 5

Prevendite:
biglietteria.palladium@uniroma3.it – tel. 327 2463456 (orario 10:00-13:00 / 15:00 – 20:00)

http://www.liveticket.it/TeatroPalladium

Organizzazione e promozione Teatro Palladium: Music Theatre International
 

Redazione

Eventi

  • Inaugurato il Treno Verde 2018 di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane

  • “The Other Side Of The Ink”: la prima convention di tatuaggi in Europa dedicata alle tatuatrici donne

  • Oren Lavie e il nuovo Bedroom Crimes a Visioninmusica 2018 il 23 febbraio a Terni

  • Giacomo Leopardi: ritratto intimo d’autore al Teatro Palladium il 21 febbraio

  • Mese di Darwin: domenica 25 febbraio al Bioparco di Roma Chi non si adatta è perduto!

  • L’Alta Moda Italiana del Fashion Designer Michele Miglionico conquista Buckingham Palace

  • «Guarite tutti!». Dal Bambino Gesù palloncini dorati contro il cancro infantile

  • “Prime donne”: al Palladium il recital di Maria Grazia Schiavo il 19 febbraio in collaborazione col Teatro dell’Opera

  • Teatro Palladium: “Vajont. Quando lassù,” il 16 e 17 febbraio

  • Niko Sinisgalli crea un menù esclusivo per la cena di San Valentino al Ristorante Tazio

  • I numeri del Carnevale di Venezia 2018

  • Manuela Minelli “Contro-Versi, Poesie pret-a-porter” – Il primo libro di poesie vestito dalla stilista d’Alta Moda Sabrina Persechino ed illustrato da Giulia Gorga

  • Concorso della Mascherina più bella

  • Erika Kia è la Maria del Carnevale 2018.

  • Martedì Grasso, ultime sfilate in attesa della presentazione sul palco della Maria del Carnevale 2018 e del tradizionale Svolo del Leon

  • A Matera il primo “Unesco Italian Youth Forum”