giovedì 9 novembre 2017


Caschi Blu Cultura: terminato corso sulla protezione del patrimonio culturale alla Polizia degli Emirati Arabi Uniti


Franceschini: si conferma prestigio internazionale dei Carabinieri dell’Arte

È terminato oggi a Abu Dhabi il corso “Protezione del Patrimonio Culturale” tenuto dai Caschi Blu della Cultura italiani alla Polizia Turistica degli Emirati Arabi Uniti, organizzato nell’ambito del protocollo di collaborazione “Technical Arrangement”, siglato nel marzo 2016, tra il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e la Polizia di Abu Dhabi (PAD). “Il corso di Abu Dhabi, così come tutti gli interventi di formazione condotti finora all’estero, conferma il prestigio internazionale dei Caschi Blu della Cultura italiana – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini – e il ruolo riconosciuto in tutto il mondo a questo reparto specializzato nella tutela del patrimonio culturale”. L’addestramento, cominciato il 29 ottobre, ha permesso di diffondere le conoscenze e le esperienze acquisite dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, nei suoi quasi 50 anni di attività. È stato presentato il modello italiano di tutela del patrimonio culturale, a partire dalla normativa di settore e le convenzioni internazionali fino ad arrivare alla banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti. Sono stati inoltre illustrate le attività preventive e repressive intraprese per salvaguardare i beni culturali dalle calamità naturali e dalle azioni criminali dell’uomo. In particolare, sono stati analizzati alcuni “case study” di attività investigative transnazionali condotte per la repressione del traffico illecito di beni archeologici. Al termine del corso, concluso con la cerimonia di consegna dei diplomi, il Comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Fabrizio Parrulli, e il Direttore del Criminal Investigation Directorate, Tarek Al Ghool, si sono incontrati per verificare ulteriori forme di collaborazione, tra cui la realizzazione, negli Emirati Arabi Uniti, di una banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti sul modello di quella italiana.

Redazione

News

  • Tumore al pancreas: entro il 2030 sarà la seconda causa di morte nel mondo

  • Il CHMP raccomanda l’autorizzazione all’immissione nel mercato europeo per rurioctocog alfa pegol, Fattore antiemofilico (Ricombinante) Pegilato, per pazienti adulti ed adolescenti con emofilia A.

  • Forze Armate all’opera: supporti d’emergenza alla popolazione italiana con impianti iperbarici, trasporti d’organi e trasporti sanitari. Tutto in 48 ore

  • Generale Claudio Graziano: “Per poter cooperare in ambito internazionale bisogna essere competitivi”

  • Flash mob dei volontari di Greenpeace in tutta Italia contro lo smog: «Il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni»

  • Strategia Energetica Nazionale, Greenpeace: «Bene uscita dal carbone nel 2025, ma anziché puntare su gas occorrono più sforzi su rinnovabili ed efficienza»

  • OPBG – Ospedale Pediatrico Bambino Gesù: separate gemelle siamesi algerine unite per l’addome ed il torace

  • OPBG – Ospedale Pediatrico Bambino Gesù: separate gemelle siamesi algerine unite per l’addome ed il torace

  • Caschi Blu Cultura: terminato corso sulla protezione del patrimonio culturale alla Polizia degli Emirati Arabi Uniti

  • Glifosato: bene il no dell’Italia, diminuisce il numero dei Paesi a favore del rinnovo

  • Bambino Gesù: separate gemelle siamesi algerine unite per l’addome ed il torace

  • Shire apre il cantiere per la “Carta dei diritti della persona con emofilia”

  • Unione Europea: Generale Claudio Graziano designato Presidente del Comitato Militare

  • Morte improvvisa: screening nelle scuole, a rischio circa l’1%

  • 4 Novembre 1966 – Acqua Granda, acqua alta eccezzionale di +194cm sul livello medio del mare, l’alluvione di Venezia

  • Pesce spada: Il Governo fa ricorso contro le quote di pesca concesse all’Italia. GREENPEACE: «Mossa vergognosa, chi pesca illegalmente va punito e non tutelato»