giovedì 9 novembre 2017


Glifosato: bene il no dell’Italia, diminuisce il numero dei Paesi a favore del rinnovo


I Paesi membri dell’Unione per la sesta volta non hanno sostenuto la proposta della Commissione europea per rinnovare l’autorizzazione al glifosato, l’erbicida più utilizzato a livello Europeo e collegato a cancro e a danni ambientali. La votazione di oggi sulla proposta di rinnovo per cinque anni ha visto nove Paesi contrari (tra cui l’Italia), cinque astenuti e quattordici a favore. «Bene il no dell’Italia al voto odierno, mentre la Commissione continua a cercare l’appoggio per una nuova autorizzazione per il glifosato, noncurante degli scandali legati ai “Monsanto Papers” e al “copia-incolla” nelle valutazioni del rischio europee. Non si può continuare a permettere la contaminazione di suolo, acqua, cibo e persone, il glifosato deve essere vietato ora, non fra tre, cinque o dieci anni» – dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna agricoltura di Greenpeace Italia. La Commissione ha annunciato un nuovo voto in sede di comitato d’appello, ma non ci si aspettano cambiamenti sostanziali delle posizioni del Paesi membri. Successivamente, la Commissione Ue ha il potere di adottare autonomamente la propria proposta di rinnovo, anche senza il supporto dei governi. Il Parlamento europeo ha recentemente chiesto un phase-out totale del glifosato entro cinque anni, a cominciare da restrizioni immediate per gli usi non professionali e come disseccante in pre-raccolta. Oltre un milione di persone hanno firmato nel 2017 un’iniziativa dei cittadini europei che chiede alla Ue di vietare il glifosato in Europa, e i sondaggi mostrano che in Italia, Francia, Portogallo e Grecia è in crescita il sostegno per il bando.

Redazione

News

  • Tumore al pancreas: entro il 2030 sarà la seconda causa di morte nel mondo

  • Il CHMP raccomanda l’autorizzazione all’immissione nel mercato europeo per rurioctocog alfa pegol, Fattore antiemofilico (Ricombinante) Pegilato, per pazienti adulti ed adolescenti con emofilia A.

  • Forze Armate all’opera: supporti d’emergenza alla popolazione italiana con impianti iperbarici, trasporti d’organi e trasporti sanitari. Tutto in 48 ore

  • Generale Claudio Graziano: “Per poter cooperare in ambito internazionale bisogna essere competitivi”

  • Flash mob dei volontari di Greenpeace in tutta Italia contro lo smog: «Il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni»

  • Strategia Energetica Nazionale, Greenpeace: «Bene uscita dal carbone nel 2025, ma anziché puntare su gas occorrono più sforzi su rinnovabili ed efficienza»

  • OPBG – Ospedale Pediatrico Bambino Gesù: separate gemelle siamesi algerine unite per l’addome ed il torace

  • OPBG – Ospedale Pediatrico Bambino Gesù: separate gemelle siamesi algerine unite per l’addome ed il torace

  • Caschi Blu Cultura: terminato corso sulla protezione del patrimonio culturale alla Polizia degli Emirati Arabi Uniti

  • Glifosato: bene il no dell’Italia, diminuisce il numero dei Paesi a favore del rinnovo

  • Bambino Gesù: separate gemelle siamesi algerine unite per l’addome ed il torace

  • Shire apre il cantiere per la “Carta dei diritti della persona con emofilia”

  • Unione Europea: Generale Claudio Graziano designato Presidente del Comitato Militare

  • Morte improvvisa: screening nelle scuole, a rischio circa l’1%

  • 4 Novembre 1966 – Acqua Granda, acqua alta eccezzionale di +194cm sul livello medio del mare, l’alluvione di Venezia

  • Pesce spada: Il Governo fa ricorso contro le quote di pesca concesse all’Italia. GREENPEACE: «Mossa vergognosa, chi pesca illegalmente va punito e non tutelato»