giovedì 9 novembre 2017


Glifosato: bene il no dell’Italia, diminuisce il numero dei Paesi a favore del rinnovo


I Paesi membri dell’Unione per la sesta volta non hanno sostenuto la proposta della Commissione europea per rinnovare l’autorizzazione al glifosato, l’erbicida più utilizzato a livello Europeo e collegato a cancro e a danni ambientali. La votazione di oggi sulla proposta di rinnovo per cinque anni ha visto nove Paesi contrari (tra cui l’Italia), cinque astenuti e quattordici a favore. «Bene il no dell’Italia al voto odierno, mentre la Commissione continua a cercare l’appoggio per una nuova autorizzazione per il glifosato, noncurante degli scandali legati ai “Monsanto Papers” e al “copia-incolla” nelle valutazioni del rischio europee. Non si può continuare a permettere la contaminazione di suolo, acqua, cibo e persone, il glifosato deve essere vietato ora, non fra tre, cinque o dieci anni» – dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna agricoltura di Greenpeace Italia. La Commissione ha annunciato un nuovo voto in sede di comitato d’appello, ma non ci si aspettano cambiamenti sostanziali delle posizioni del Paesi membri. Successivamente, la Commissione Ue ha il potere di adottare autonomamente la propria proposta di rinnovo, anche senza il supporto dei governi. Il Parlamento europeo ha recentemente chiesto un phase-out totale del glifosato entro cinque anni, a cominciare da restrizioni immediate per gli usi non professionali e come disseccante in pre-raccolta. Oltre un milione di persone hanno firmato nel 2017 un’iniziativa dei cittadini europei che chiede alla Ue di vietare il glifosato in Europa, e i sondaggi mostrano che in Italia, Francia, Portogallo e Grecia è in crescita il sostegno per il bando.

Redazione

News

  • HTO.tv – Raggiunto il traguardo di 4000 servizi video pubblicati sulla piattaforma di video sharing di Google, YouTube

  • Ministero dell’Interno – Tutorial ufficiale Elezioni Politiche 2018 – Le nuove schede con tagliando antifrode

  • Ministero dell’Interno – Lo spot della campagna di comunicazione istituzionale “Elezioni politiche 2018”

  • Il Generale Graziano riceve il Ministro della Difesa afgano Generale Bahramee

  • SMD: Antartide conclusa la XXXIII spedizione

  • Teatro Palladium: Serata in memoria di Alberto Sordi a 15 anni dalla morte il 24 febbraio

  • Greenpeace: mais OGM? La vera sfida è un’agricoltura resiliente ai cambiamenti climatici

  • Guardia Costiera e ANCI Lazio: presentato a Roma il progetto “Mappatura della costa”

  • Afghanistan: I militari italiani abilitano 9 istruttrici afgane al contrasto degli ordigni esplosivi improvvisati

  • “Il tratto dell’estensione”, il nuovo libro di poesie di Adua Biagioli Spadi per La Vita Felice

  • Il Generale Claudio Graziano all’inaugurazione dell’Anno Accademico 2017-2018 della Scuola Ufficiali Carabinieri

  • Greenpeace: sei eco-consigli per essere una bomba a San Valentino

  • Difesa: terminata l’esercitazione italo-spagnola “Firex 1-18”

  • Progetto GUCH, nascere e crescere con una malformazione cardiaca grazie a un percorso di cure continuo nel tempo: ben 420 i pazienti curati in meno di 5 anni di attività.

  • KFOR: concluso ciclo di donazioni per il potenziamento delle strutture sanitarie in Kosovo Ovest.

  • Generali investe nel carbone polacco ed alimenta i cambiamenti climatici