sabato 11 novembre 2017


Flash mob dei volontari di Greenpeace in tutta Italia contro lo smog: «Il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni»


I volontari di Greenpeace hanno organizzato oggi flash mob in 23 città italiane, per denunciare l’impatto ambientale e sanitario dei veicoli diesel sulle nostre strade. Ai semafori delle vie più trafficate o congestionate i volontari hanno ironicamente fatto pubblicità a un nuovo prodotto, un detersivo di nome “Diesel”, testato sui nostri polmoni, che lava più grigio di ogni altro sapone. Hanno poi distribuito volantini e piccoli ritagli di stoffa, brandelli di tessuti stesi all’aperto per settimane e ingrigiti dallo smog, per evidenziare quanto l’aria che respiriamo nelle nostre città possa scurire anche i capi più bianchi. I volontari dell’organizzazione ambientalista hanno svolto attività di sensibilizzazione soprattutto tra gli automobilisti, categoria tra le più esposte alle emissioni del traffico veicolare, protagonisti ma anche vittime di un sistema di mobilità costoso, malsano, inefficiente. Greenpeace sta in particolare puntando la sua attenzione su un inquinante specifico della mobilità a gasolio, il biossido di azoto, che secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente è responsabile nel nostro Paese di oltre 17 mila casi di morte prematura l’anno. «I danni che le auto diesel arrecano all’ambiente e a tutti noi, nonché il disastro del Dieselgate, non sono certo da imputare a chi ha comprato un’auto a gasolio, ma alle aziende che hanno ingannato i consumatori e ai governi che glielo hanno consentito», dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. «Se quei veicoli avessero avuto problemi all’impianto frenante, all’airbag o cose simili sarebbero stati immediatamente richiamati dalle aziende per verifiche, controlli o sostituzioni. Invece hanno solo il “piccolo difetto” di emettere fino a 14 volte i valori dichiarati di un gas cancerogeno. E sono ancora sulle nostre strade, senza che nessuno prenda provvedimenti», conclude Boraschi. Nelle scorse settimane Greenpeace ha avviato una campagna per chiedere ai sindaci delle quattro città più colpite dai fumi dei diesel – Milano, Torino, Palermo e Roma – di impegnarsi per limitare progressivamente la circolazione nei loro centri urbani di questi veicoli altamente inquinanti, fino a prevederne, entro la fine del loro mandato, lo stop definitivo. Questo bando non danneggerà in alcun modo i consumatori e sarà, al contrario, a beneficio di tutti. L’organizzazione ambientalista ha inoltre messo a disposizione di tutti un kit di mobilitazione per costruire dal basso, in ogni città, una Rete No Diesel e chiedere al proprio sindaco misure progressive di bando del diesel. È nelle città che l’inquinamento atmosferico e il suo impatto sulla salute, specialmente quella dei nostri figli, hanno raggiunto soglie critiche che impongono azioni immediate.

dav

 

Redazione

News

  • Greenpeace in azione durante Assemblea azionisti di Generali: «Basta assicurare carbone e cambiamenti climatici»

  • Baubeach® riapre il 25 aprile e fa nascere Baumood®

  • Giornata Mondiale della Terra : oltre un milione di persone chiede alle grandi aziende interventi sulla plastica usa e getta

  • “Operazione “Prima Parthica” in Iraq: terminata la formazione di nuovi Istruttori Militari

  • Greenpeace in azione in Adriatico: «A due anni dal Referendum, le trivelle minacciano ancora i nostri mari. Nuovo Governo cambi rotta»

  • Il doodle di Google per l’Earth Day 2018

  • Qatar: il Generale Graziano fa visita al Generale Al Ghanim

  • Libano: Brigata Folgore cede comando Unifil alla Brigata Julia

  • 17 Aprile 1944: Il rastrellamento del Quadraro – Operazione Balena (in tedesco Unternehmen Walfisch), il 74° Anniversario

  • Bambino Gesù: nasce il Registro Europeo del Fegato Grasso dei bambini

  • Missione in Iraq: “Unite4Heritage” forma la polizia irachena

  • Afghanistan: 3 ufficiali donna dell’Esercito afgano istruite sul “processo decisionale militare”

  • La Nuova Zelanda vieta le trivellazioni offshore, Greenpeace: «Decisione storica, Italia segua esempio»

  • 5^ edizione del corso Safe and Secure Approaches in Field Environment (SSAFE)

  • Pediatria: sindrome di “PANS/PANDAS” associata all’alterazione del microbiota intestinale

  • Greenpeace a Nestlè: servono piani più ambiziosi sulla plastica usa e getta