venerdì 5 gennaio 2018


Presentazione del volume “Kounellis. Impronte” con finissage


‘Istituto centrale per la grafica presenta il volume KOUNELLIS. IMPRONTE, in occasione del finissage della mostra con una tavola rotonda alla quale interverranno gli stampatori d’arte Corrado AlbicoccoJacoov Har-El, rappresentato in questa circostanza dal figlio Matti, e Romolo Bulla oltre agli storici dell’arte Laura Cherubini, Bruno Corà e Franco Fanelli per illustrare aspetti inediti del lavoro grafico del Maestro. La mostra KOUNELLIS IMPRONTE, aperta al pubblico fino al 7 gennaio 2018, nelle sale di Palazzo Poli, propone tre cicli di opere grafiche, inedite per l’Italia: l’ultimo lavoro grafico Senza titolodel 2014, realizzato con la Stamperia d’Arte di Corrado e Gianluca Albicocco di Udine e due cicli di opere, The Gospel according to Thomas del 2000 e Opus I del 2005, entrambi realizzati a Jaffa con la stamperia israeliana Har-El Printers & Publisher. Il lavoro del 2014 è un ciclo di dodici stampe al carborundum (polvere di ferro), di grande formato, con l’impronta del cappotto nero, “saio laico dell’uomo del ‘900”, trovato come di consueto nel mercatino dell’usato, che perde ogni tipo di forma e costituisce una impronta “di memoria, indicazione di umanità”. Il libro d’artista The Gospel according to Thomas con le dodici terragraph costituisce una rivisitazione dell’artista del rapporto tra l’arte contemporanea e il Sacro e “mostra un disegno di aspra elementarità ma di forza arcaica e linguisticamente primaria. Le matrici con la sabbia rossa avevano messo in risalto una serie di segni emblematici e carichi di evocazioni spirituali”. Opus I è un portfolio di 47 fotolitografie, una summa in grafica di quarant’anni di ricerca artistica; si espongono 24 fogli nei quali domina il tema del viaggio, fatidico rimando a quello di Odisseo «non una crociera nel Mediterraneo, ma un viaggio in verticale, nel profondo, scaturito da una guerra scatenata dal possesso di una donna» (Kounellis). Il volume KOUNELLIS. IMPRONTE, edito da Gli Ori, con testi di Maria Antonella Fusco, Bruno Corà, Antonella Renzitti, Roberto Budassi e Gianluca Albicocco è stato realizzato grazie al sostegno della Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT, diretta da Federica Galloni.

 

NOTIZIE UTILI SULLA MOSTRA:

Sede: Roma, Istituto centrale per la grafica, Palazzo Poli, via Poli 54
Presentazione del volume e finissage: 10 gennaio 2018 ore 16.30
Apertura al pubblico dal 15 novembre al 7 gennaio 2018
Orario: da mercoledì a domenica dalle ore 14 alle 19. Ingresso libero.
Le aperture straordinarie saranno comunicate sul sito web www.grafica.beniculturali.it
Non è possibile accedere all’Istituto con bagagli, zaini e borse di grandi dimensioni. Non sono disponibili armadietti o guardaroba.

Redazione

Arte

  • Le Cabaret de l’Enfer presenta “Ade” al Salone Margherita

  • GUGGENHEIM ART CLASSES – La Biennale prima e dopo Peggy Guggenheim

  • 2017: Un altro anno record per la Collezione Peggy Guggenheim

  • 2017: nuovo record di visitatori per la Collezione Peggy Guggenheim

  • DermArt/Questioni di Pelle: “Le unghie nell’arte” il 12 gennaio a Spazio 5

  • Musei, MiBACT: è boom di ingressi per la prima domenica gratuita del 2018

  • Rai: Franceschini “Esordio di successo per Meraviglie d’Italia, ottimo segnale per la cultura”.

  • Presentazione del volume “Kounellis. Impronte” con finissage

  • SpazioCima – “Raccontamenti 2”: la letteratura si fa pittura con la mostra di Chiara Montenero

  • “A Mani Nude. I costi umani ed ambientali dello smantellamento navale”. Mostra fotografica promossa da NGO Shipbreaking Platform e Legambiente

  • 7 gennaio 2018: domenica gratuita nei Musei ed Aree archeologiche statali

  • Guardia di Finanza: arte presepiale “fai da te”

  • Spettacolo: online i bandi “MigrArti” 2018. Un milione e mezzo di euro per progetti cinema e teatro dei nuovi italiani

  • Aria di Natale alla Collezione Peppy Guggenheim

  • Pompei: inaugurate tre nuove Domus e la sezione pompeiana della mostra Pompei@Madre.

  • “Caro Papa Francesco, ti regalo un disegno”: parte la campagna per sostenere le cure dei bambini del Mondo