mercoledì 7 febbraio 2018


Le Forze Armate respingono con decisione le accuse della Commissione Uranio Impoverito


In merito alla “Relazione finale” presentata oggi dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito, lo Stato Maggiore della Difesa ribadisce che le Forze Armate italiane mai hanno acquistato o impiegato munizionamento contenente uranio impoverito. Tale verità è emersa ed è stata confermata anche dalle commissioni tecnico-scientifiche ingaggiate dalle quattro Commissioni parlamentari che, dal 2005 ad oggi, hanno indagato su tale aspetto. Centinaia di ispezioni in siti militari, in aree addestrative e poligoni, con decine e decine di analisi dei suoli e delle acque, hanno concordemente escluso la presenza di uranio impoverito proveniente da munizionamento e dispiace che questo dato, oggettivo e inoppugnabile, sia stato omesso nelle dichiarazioni pubbliche della Commissione. Si sottolinea inoltre che le Forze Armate tutelano la salute del proprio personale adottando tutte le cautele e controlli sanitari periodici previsti. Questa attenzione è dedicata non solo al personale ma anche all’ambiente in cui esso si trova ad operare, tanto in Italia quanto all’estero. I Vertici delle Forze Armate ad ogni livello, assolutamente consapevoli dei rischi insiti nella condizione militare, avvertono come prima responsabilità e dovere quello di preservare e difendere la salute del proprio personale in ogni circostanza. Le Forze Armate respingono, anche alla luce delle dichiarazioni rilasciate dal Professor Trenta, le inaccettabili accuse mosse dalla quarta Commissione parlamentare d’inchiesta, ribadendo la totale disponibilità alla collaborazione, come dimostrato anche in sede di tavolo tecnico negoziale con la Commissione, e sottolineano la assoluta trasparenza di tutte le loro attività.

 

 

Redazione

News

  • Proseguono le attività di monitoraggio del lago con il drone

  • Il Generale Claudio Graziano presenzia a Bruxelles ai Comitati Militari dell’UE e della Nato

  • Smog, Italia deferita alla Corte UE. Greenpeace: «Urgente rivoluzionare la mobilità»

  • Missione in Libano: concluso il Corso Special Force Breaching

  • Terminato il 2° Corso Anfibio per il personale della Marina Libica

  • Greenpeace: fare luce sulle formulazioni commerciali a base di glifosato

  • Sottoscritto l’accordo quadro tra il Ministero della Difesa e il DASS per attività in campo spaziale e aerospaziale di tipo civile

  • Bambino Gesù: reumatologia, trovata cura per 3 malattie autoinfiammatorie

  • Scade il 21 maggio il bando per la gestione del costituendo Museo Nazionale Gioacchino Rossini a Pesaro

  • Missione Kosovo: Il MNBG-W supporta i Vigili del Fuoco

  • Cordoglio del Generale Claudio Graziano per il decesso del Generale Becchio “custode dei più alti valori alpini”

  • Afghanistan: Italia a supporto dell’operazione interregionale

  • Nave Alghero termina l’esercitazione multinazionale “Spanish Minex 2018”

  • Termina l’impegno della Fregata Espero nell’Operazione NATO Sea Guardian

  • Nuovo rapporto di Greenpeace: «I petrolieri pronti a “bombardare” anche lo ionio, gli Air Gun minacciano un’area marina di grande valore»

  • Cordoglio del Generale Claudio Graziano per il decesso in servizio del Primo Maresciallo Antonio Carbone