venerdì 2 marzo 2018


Incontro a Roma tra Marina Militare e Cluster Marittimo nazionale


Mercoledì 28 febbraio, la Marina Militare ha incontrato gli esponenti nazionali del cluster marittimo presso il Comando in Capo della squadra Navale (CINCNAV) a Roma per l’annuale punto di situazione sui temi legati alla marittimità del Paese. L’incontro mirato ad incrementare il coordinamento tra i principali attori che interagiscono con il mare, si inserisce nell’alveo delle attività istituzionali della Marina Militare e riflette una visione internazionale, europea e globale che vede il mare inserito in un contesto chiave per lo sviluppo sostenibile dell’economia nazionale ed internazionale. Si tratta di un evento consolidato che vede i partner sempre più proiettati a ricercare nuovi ambiti di collaborazione e sinergie utili ad incrementare la sicurezza marittima per l’accesso in sicurezza alle rotte ed ai porti nelle aree di crisi e per la reazione alle minacce e  a garantire un costante scambio di informazioni che possono risultare fondamentali per la condotta delle attività commerciali e militari italiane nel mondo. La Marina Militare, anche attraverso l’uso dello strumento aeronavale, svolge un ruolo fondamentale in tutte quelle attività mirate a preservare il libero uso del mare e contribuisce alla tutela degli interessi marittimi nazionali, attraverso presenza, sorveglianza, deterrenza e contrasto al terrorismo ed alle attività illecite, contribuendo così alla sicurezza marittima, anche in supporto e coordinamento con il cluster mercantile nazionale, che trova nella Federazione del Mare il punto di unione della maggior parte delle attività marittime civili del Paese. Nel corso dell’incontro si è parlato anche del ruolo “advisory” delle marine militari verso lo shipping, cioè la condivisione delle informazioni utili alla sicurezza della navigazione, tramite la cellula Naval Cooperation and Giuidance for Shipping (NCAGS) operante presso il Comando in Capo della Squadra Navale. I lavori hanno evidenziato come il millennio appena iniziato, caratterizzato dalla “crescita blu”, rappresenta il momento storico su cui puntare per il rilancio della marittimità quale risorsa per la crescita commerciale, occupazionale e tecnologica e che la Marina Militare anche attraverso l’uso dello strumento aeronavale, svolge un ruolo fondamentale in quelle attività mirate a preservare il libero uso del mare, anche in supporto e coordinamento con il cluster marittimo nazionale che nel confermare l’impegno ad incrementare la collaborazione tra le due realtà per la salvaguardia dell’ambiente marittimo fonte strategica di approvvigionamento dell’industria nazionale ed europea.

 

Redazione

News

  • Joint Stars 2018: conclusa la parte live dell’esercitazione interforze

  • Proseguono le attività di monitoraggio del lago con il drone

  • Il Generale Claudio Graziano presenzia a Bruxelles ai Comitati Militari dell’UE e della Nato

  • Smog, Italia deferita alla Corte UE. Greenpeace: «Urgente rivoluzionare la mobilità»

  • Missione in Libano: concluso il Corso Special Force Breaching

  • Terminato il 2° Corso Anfibio per il personale della Marina Libica

  • Greenpeace: fare luce sulle formulazioni commerciali a base di glifosato

  • Sottoscritto l’accordo quadro tra il Ministero della Difesa e il DASS per attività in campo spaziale e aerospaziale di tipo civile

  • Bambino Gesù: reumatologia, trovata cura per 3 malattie autoinfiammatorie

  • Scade il 21 maggio il bando per la gestione del costituendo Museo Nazionale Gioacchino Rossini a Pesaro

  • Missione Kosovo: Il MNBG-W supporta i Vigili del Fuoco

  • Cordoglio del Generale Claudio Graziano per il decesso del Generale Becchio “custode dei più alti valori alpini”

  • Afghanistan: Italia a supporto dell’operazione interregionale

  • Nave Alghero termina l’esercitazione multinazionale “Spanish Minex 2018”

  • Termina l’impegno della Fregata Espero nell’Operazione NATO Sea Guardian

  • Nuovo rapporto di Greenpeace: «I petrolieri pronti a “bombardare” anche lo ionio, gli Air Gun minacciano un’area marina di grande valore»