lunedì 16 aprile 2018


Afghanistan: 3 ufficiali donna dell’Esercito afgano istruite sul “processo decisionale militare”


Proseguono i corsi di alta specializzazione tenuti dai militari italiani a favore del personale femminile nelle Forze Armate afgane

Dieci militari dell’Esercito Afgano di cui tre donne hanno raggiunto la qualifica di specialista nel processo decisionale militare dopo aver concluso con successo il corso Military Decision Making Process(MDMP), organizzato dal contingente militare italiano del TAAC –W, il Train Advice and Assistance Command – West organizzato su base brigata “Sassari”. Le allieve, congiuntamente con i colleghi di sesso maschile, tutti appartenenti alla branca intelligence, durante il corso durato 5 settimane hanno appreso il sistema utilizzato nel processo decisionale militare, ovvero lo studio delle varie opzioni che supportano i comandanti nell’emanazione degli ordini. In tale ottica, la componente intelligence riveste un ruolo di assoluto rilievo, in quanto fornisce gli elementi basilari di pianificazione, evidenziando i punti di forza e le vulnerabilità del nemico. Durante il corso MDMP, i tre ufficiali donna si sono distinte per capacità analitiche e di pianificazione, superando brillantemente i vari test ai quali sono state sottoposte durante l’intero ciclo delle istruzioni. Le attività a favore delle donne afgane, realizzate nell’ambito dei “progetti gender”, si sviluppano in tutti i piani di addestramento (Train) e di consulenza (Advise e Assist), che attualmente sono svolti dagli istruttori italiani a favore della Polizia e dell’Esercito afgano. L’obiettivo della missione Resolute Support persegue l’auto sostenibilità delle Forze di Sicurezza afgane nella difesa del proprio Paese.

Redazione

News

  • Greenpeace in azione durante Assemblea azionisti di Generali: «Basta assicurare carbone e cambiamenti climatici»

  • Baubeach® riapre il 25 aprile e fa nascere Baumood®

  • Giornata Mondiale della Terra : oltre un milione di persone chiede alle grandi aziende interventi sulla plastica usa e getta

  • “Operazione “Prima Parthica” in Iraq: terminata la formazione di nuovi Istruttori Militari

  • Greenpeace in azione in Adriatico: «A due anni dal Referendum, le trivelle minacciano ancora i nostri mari. Nuovo Governo cambi rotta»

  • Il doodle di Google per l’Earth Day 2018

  • Qatar: il Generale Graziano fa visita al Generale Al Ghanim

  • Libano: Brigata Folgore cede comando Unifil alla Brigata Julia

  • 17 Aprile 1944: Il rastrellamento del Quadraro – Operazione Balena (in tedesco Unternehmen Walfisch), il 74° Anniversario

  • Bambino Gesù: nasce il Registro Europeo del Fegato Grasso dei bambini

  • Missione in Iraq: “Unite4Heritage” forma la polizia irachena

  • Afghanistan: 3 ufficiali donna dell’Esercito afgano istruite sul “processo decisionale militare”

  • La Nuova Zelanda vieta le trivellazioni offshore, Greenpeace: «Decisione storica, Italia segua esempio»

  • 5^ edizione del corso Safe and Secure Approaches in Field Environment (SSAFE)

  • Pediatria: sindrome di “PANS/PANDAS” associata all’alterazione del microbiota intestinale

  • Greenpeace a Nestlè: servono piani più ambiziosi sulla plastica usa e getta