lunedì 16 aprile 2018


Missione in Iraq: “Unite4Heritage” forma la polizia irachena


31 Agenti della Polizia Regionale hanno frequentato presso l’università di Erbil un corso per la tutela del patrimonio culturale iracheno

Nei giorni scorsi, ad Erbil (Iraq), istruttori del “Unite4Heritage” (“Caschi Blu della Cultura”) del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC), hanno condotto e concluso un corso di addestramento in “Cultural Heritage Protection” a favore di 31 unità del quadro dirigente della Polizia Regionale esperti in beni culturali e di accademici locali. Il corso, iniziato lo scorso 1 Aprile, ha avuto una durata di due settimane e si è svolto presso la “Salahaddin University” di ERBIL.  Le attività si sono sviluppate, attraverso la condivisione della consolidata esperienza degli istruttori della TPC nell’affrontare le minacce al patrimonio culturale e nel contrastarne il traffico illecito, nel gestire le peculiari competenze nella difesa dello straordinario patrimonio culturale presente nell’area irachena. Durante il corso, sono state affrontate problematiche come le difficoltà che si possono incontrare nella tutela del patrimonio culturale in situazioni emergenziali e quali possono essere le relative soluzioni, convergenza tra la protezione e la messa in sicurezza dei beni culturali in caso di emergenze naturali e le precauzioni e procedure da adottare nei periodi del pre e post conflict nelle situazioni d’emergenza prodotte dall’uomo. I vertici del Corpo della Polizia, durante la cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione, hanno avuto parole di apprezzamento per l’attività svolta dai Carabinieri, riconoscendo nel contempo l’importanza di approfondire questa tipologia di tematica auspicando il proseguimento di corsi ad elevato contenuto tecnico. Il corso di “Cultural Heritage Protection”, rientra nell’offerta formativa messa a disposizione dalla Police Task Force Iraq, che opera sia a Baghdad che ad Erbil, nel Kurdistan iracheno. La Police Task Force a guida Carabinieri fa parte dell’intero contingente militare che l’Italia ha messo a disposizione della missione internazionale Operation Inherent Resolve – Prima Parthica e contribuisce a consolidare il processo di stabilizzazione e di normalizzazione del Paese attraverso la formazione di moderne Forze di Polizia.

 

Redazione

News

  • Greenpeace in azione durante Assemblea azionisti di Generali: «Basta assicurare carbone e cambiamenti climatici»

  • Baubeach® riapre il 25 aprile e fa nascere Baumood®

  • Giornata Mondiale della Terra : oltre un milione di persone chiede alle grandi aziende interventi sulla plastica usa e getta

  • “Operazione “Prima Parthica” in Iraq: terminata la formazione di nuovi Istruttori Militari

  • Greenpeace in azione in Adriatico: «A due anni dal Referendum, le trivelle minacciano ancora i nostri mari. Nuovo Governo cambi rotta»

  • Il doodle di Google per l’Earth Day 2018

  • Qatar: il Generale Graziano fa visita al Generale Al Ghanim

  • Libano: Brigata Folgore cede comando Unifil alla Brigata Julia

  • 17 Aprile 1944: Il rastrellamento del Quadraro – Operazione Balena (in tedesco Unternehmen Walfisch), il 74° Anniversario

  • Bambino Gesù: nasce il Registro Europeo del Fegato Grasso dei bambini

  • Missione in Iraq: “Unite4Heritage” forma la polizia irachena

  • Afghanistan: 3 ufficiali donna dell’Esercito afgano istruite sul “processo decisionale militare”

  • La Nuova Zelanda vieta le trivellazioni offshore, Greenpeace: «Decisione storica, Italia segua esempio»

  • 5^ edizione del corso Safe and Secure Approaches in Field Environment (SSAFE)

  • Pediatria: sindrome di “PANS/PANDAS” associata all’alterazione del microbiota intestinale

  • Greenpeace a Nestlè: servono piani più ambiziosi sulla plastica usa e getta